Mortaio e pestello per pesto

Oggi torniamo a parlare della salsa fredda per eccellenza, il re dei condimenti dell’estate: il pesto. In un articolo precedente abbiamo illustrato come fare per non annerire il pesto e tra i suggerimenti abbiamo indicato l’utilizzo del mortaio, che consente una preparazione tutt’altro che veloce, garantendo tuttavia un ottimo risultato.

Vogliamo infatti soffermarci sulle caratteristiche di questo attrezzo, forse un po’ in disuso, ma in fondo sempre apprezzato dai più accaniti tradizionalisti.

Continua a leggere Mortaio e pestello per pesto

Differenza tra bottiglia d’olio chiara e scura

In un articolo precedente abbiamo preso in considerazione vantaggi e svantaggi di tutti i contenitori idonei alla conservazione dell’olio di oliva, concludendo che vetro e latta risultano i materiali più adatti allo scopo. Oggi invece ci chiediamo: tutte le bottiglie in vetro sono uguali? Che differenza c’è tra una bottiglia d’olio chiara e una scura?

Continua a leggere Differenza tra bottiglia d’olio chiara e scura

Contenitori per la conservazione dell’olio extravergine

Abbiamo già preso in esame le regole e gli accorgimenti da mettere in pratica per una corretta conservazione dell’olio di oliva; oggi analizzeremo invece nello specifico quali siano i contenitori più idonei per preservare l’olio extravergine, soffermandoci in particolare su vantaggi e svantaggi che essi presentano.

Continua a leggere Contenitori per la conservazione dell’olio extravergine

Cosa si può abbinare al pesto

Il pesto, preparato secondo l’antica tradizione ligure, è la salsa fredda per eccellenza, una vera delizia per il palato che si gusta principalmente d’estate, ma che grazie a qualche trucco può essere conservato e consumato anche nei mesi più freddi. Ma come si può abbinare il pesto? Con quali cibi e pietanze si sposa meglio? Scopriamolo insieme.

Continua a leggere Cosa si può abbinare al pesto

Come fare per non annerire il pesto

Il pesto, nato a Genova e ben presto diffusosi in tutto il paese, è senza dubbio una delle salse fredde più amate in Italia e nel mondo grazie al suo sapore fresco e alla sua versatilità in cucina, dato che può essere usato su bruschette e all’interno di panini, ma per esaltarne il gusto è sufficiente un semplice piatto di pasta.

In un articolo precedente abbiamo visto come fare per conservarlo nel migliore dei modi, ma ora vogliamo soffermarci su di un’altra spinosa questione: come fare per non annerire il pesto; la verde salsa di basilico, infatti, ha tra le sue caratteristiche anche la delicatezza, e non è raro notare come, nonostante la freschezza, sia diventato scuro. Scopriamo insieme perché ciò avviene e i segreti per evitarlo.

Continua a leggere Come fare per non annerire il pesto

Come riconoscere un buon olio extravergine di oliva

In un articolo precedente abbiamo parlato di come riconoscere un olio scadente dal suo sapore: individuare un olio extravergine di qualità non è infatti sempre immediato, soprattutto per chi non è esperto in materia.

In questo breve vademecum vi forniremo indicazioni utili per fare un buon acquisto.

Continua a leggere Come riconoscere un buon olio extravergine di oliva

Come conservare il pesto

Il profumo del pesto fresco, a base di basilico, aglio pinoli e olio extravergine di oliva, fa subito pensare alla bella stagione, periodo in cui la pianta da cui è ottenuto vede appunto la sua fase di maggiore crescita; tuttavia, come ogni amante della salsa verde più famosa al mondo sa bene, sarebbe davvero un peccato privarsene durante il resto dell’anno. Quindi come conservare il pesto più a lungo e assaporare un po’ di estate anche nei mesi invernali? Vediamo quali accorgimenti possiamo adottare.

Continua a leggere Come conservare il pesto