Olio di oliva: colesterolo e salute

L’olio extravergine di oliva è uno dei principali alimenti della dieta mediterranea: ricco di sostanze nutritive, rappresenta un vero e proprio toccasana, funzionale per il benessere del nostro organismo.

Oltre ad essere portatore di sostanze antiossidanti (fenoli) utili come detto precedentemente, per la prevenzione di molteplici disturbi e contro l’invecchiamento cellulare, è anche ricco di vitamine, tra cui la E, la quale ci da un grosso aiuto nel preservare le ossa in salute, proteggendole da osteoporosi e decalcificazione.

L’olio di oliva, risulta essere utile anche per il controllo del colesterolo.

Recenti ricerche hanno infatti dimostrato come un utilizzo regolare dell’olio, grazie alla presenza dei suoi acidi grassi monoinsaturi, aiuti a ridurre il colesterolo cattivo e contribuisca ad aumentare quello buono.
E’ stato evidenziato, come tra le popolazioni che hanno adottato la dieta mediterranea e conseguentemente un utilizzo quotidiano e regolare dell’olio extravergine di oliva, il rischio di malattie coronariche sia molto più basso rispetto alle popolazioni che hanno una diversa alimentazione.

Spesso, una dieta sbilanciata o l’eccessivo consumo di grassi animali, possono concorrere a innalzare la quantità di colesterolo nel sangue. uno dei principali fattori che contribuiscono al rischio di malattie cardiovascolari.

Un’alimentazione svariata e controllata, come quella proposta dalla dieta mediterranea, considerata uno dei principali modelli alimentari più vari ed efficaci, arricchita con le giuste dosi di olio extravergine di oliva (tre, quattro cucchiai al giorno), può aiutare considerevolmente il nostro organismo, per il controllo del colesterolo.
Questo anche perché l’olio di oliva è l’unico olio che viene prodotto attraverso la pressione del frutto, senza ulteriori manipolazioni chimico-fisiche.

Conclusioni

L’olio extravergine di oliva, è il grasso alimentare più consigliato grazie all’insieme delle sue proprietà, per la sua composizione acidica con una predominanza di acidi grassi monoinsaturi e polinsaturi, la vitamina E e A e gli antiossidanti.

Introdotto nella dieta alimentare, a partire dai sei mesi d’età, risulta essere un “condi-alimento” genuino e ottimale, in grado di fornire al nostro organismo una buona parte delle sostanze nutritive che ci servono. Le qualità nutrizionali che offre, risultano essere un valido aiuto, se viene correttamente conservato e impiegato in cucina.

Considerato da sempre un alimento con importanti funzioni medicinali, aiuta nel controllo del colesterolo e contribuisce a mantenere il nostro fisico in un buon stato di salute